Trieste, citizen science e mini centraline!

Per iniziativa di Legambiente Trieste è partita l’installazione di centraline di monitoraggio delle polveri sottili a basso costo aderendo al progetto europeo Luftdaten dedicato al monitoraggio delle polveri sottili predisposto da OK Lab Stuttgart, gruppo che lavora su trasparenza, dati aperti, tecnologia civica, visualizzazione dei dati e progetti di citizen science. La partecipazioni di numerose associazioni e soprattutto cittadini con u kit appositamente predisposto e installato all’esterno delle proprie abitazioni consente di generare una mappa delle polveri costantemente aggiornata basata sui dati trasmessi.

Ecco come è visibile la mappa. Il sensore relativo a Trieste fa parte della rete regionale Genki
Ecco come è visibile la mappa. Il sensore relativo a Trieste fa parte della rete regionale Genki

Pur non garantendo la stessa qualità e affidabilità dei dati di prodotti di categoria superiore, si tratta di dispositivi che possono per l’economicità essere distribuiti in ambito urbano per fornire indicazioni preziose sulla distribuzione locale dell’inquinamento. Oppure è possibile un raffronto di dispositivi posti in luoghi diversi (es: montagna e pianura) analizzando i dati a scale diverse. Il progetto mira quindi a diventare un punto focale per la gestione delle centraline distribuite a livello regionale, dando supporto tecnico a chi volesse installarle.

Il sensore a basso costo rileva PM10, PM2.5 e temperatura.